Siamo Consumatori Attivi

L’Associazione Consumatori Attivi nasce dalla volontà di un nutrito e motivato gruppo di risparmiatori traditi friulani che con l’ambizione di costruire una realtà indipendente, autonoma, apolitica, apartitica, senza fini di lucro, a base democratica, partecipativa col fine di persegue finalità di eguaglianza sociale e tutela dei diritti e degli interessi, anche nell’ambito del più ampio concetto della responsabilità sociale, del cittadino-consumatore, utente, risparmiatore, paziente, contribuente, sia come singolo che come collettività nonché centro d’interesse.

Continua

Ultimi Articoli

Facebook Posts

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

Foto dal post di Consumatori Attivi ... continua >nascondi

Comment on Facebook

Molto, molto bene 👍! Tenete duro che il traguardo è vicino !

Sarebbe opportuno che la Regione FVG intervenisse nella ns. regione con gli indennizzi anche per noi risparmiatori traditi dalle Banche Venete!!!

1 giorno fa
Consumatori Attivi

Foto dal post di Consumatori Attivi ... continua >nascondi

Comment on Facebook

Mi sfugge il metodo di produzione dell'idrogeno,si consuma energia per realizzare la componente idrogeno o è uno slogan politico diffuso a livello europeo/mondiale?

3 giorni fa
Consumatori Attivi

consumatoriattivi.it/2021/07/i-social-network-e-le-nuove-frontiere-dellodio-virtuale/

😡#odio ed utilizzo della rete.

#hatespeech e #educazionedigitale non è solo come utilizzare lo strumento, ma come utilizzarlo nelle relazioni sociali.

Per approfondire il tema ecco l'articolo di #consumatoriattivi scritto dell'esperto digitale Marco Cavallo
... continua >nascondi

https://consumatoriattivi.it/2021/07/i-social-network-e-le-nuove-frontiere-dellodio-virtuale/

😡#odio ed utilizzo della rete.

 #hatespeech e #educazionedigitale  non è solo come utilizzare lo strumento, ma come utilizzarlo nelle relazioni sociali.

Per approfondire il tema ecco larticolo di #consumatoriattivi scritto dellesperto digitale Marco Cavallo
6 giorni fa
Consumatori Attivi

consumatoriattivi.it/2021/07/criptovalute-o-criptotruffe/

‼️‼️‼️Guadagni facili? Il futuro della finanza e dell'investimento?
#criptovalute #bitcoin #blockchain
Regna la mancanza di competenza! 👩‍🏫
... continua >nascondi

https://consumatoriattivi.it/2021/07/criptovalute-o-criptotruffe/

‼️‼️‼️Guadagni facili? Il futuro della finanza e dellinvestimento?
#criptovalute #bitcoin #blockchain 
Regna la mancanza di competenza! 👩‍🏫
1 settimana fa
Consumatori Attivi

#criptovalute: approfondimento su Radio Gamma alle 16.10 di oggi con l'avv. Lina Sguassero. Seguiteci!

Nel 2014 si è registrata la truffa più imponente avente ad oggetto le cryptovalute sull’exchange Mt. Gox con sede a Tokyo. Un attacco hacker causò infatti la sottrazione di 850 mila Bitcoin, per un valore, secondo la quotazione odierna, di oltre 25 miliardi.

Altra colossale truffa è stata quella degli OneCoin. Si trattava di un falso token che nel 2015 riuscì ad ingannare milioni di persone, provocando un danno stimato in oltre 12 miliardi.

Infine, tra le truffe più imponenti, si ricorda quella relativa a Bitconnect, con la quale vennero sottratti oltre 2,1 miliardi con l’ICO (Initial Coin Offering) di questa criptovaluta, diventata celebre e poi inutile nel giro di 8 mesi.

Complessivamente questi tre eventi hanno causato un danno economico complessivo di quasi 40 miliardi. Se sommiamo anche le truffe meno appariscenti nel mndo delle cryptovalute ma comunque frequenti, anzi quotidiane, le cifre sono costrette ad aumentare. Frequenti infatti sono i falsi sistemi di trading automatico, siti fake di exchange o broker e account social contraffatti.

Ma quindi è possibile investire in cryptovalute in maniera sicura?

La risposta è sì, ma con grande attenzione, conoscenza ed esperienza evitando di affidare i propri risparmi in schemi piramidali, portali falsi, progetti crypto senza valore o sistemi di fantomatici guru esperti di criptovalute. E' importante individuare fonti autorevoli, accrescere la nostra conoscenza in materia attravesro portali e pubblicazioni affidabili. Evitiamo di affidarci a influencer o spot eclatanti!!
Bisogna verificare l’affidabilità di exchange e broker, controllando le licenze delle imprese finanziarie e la reputazione delle piattaforme di compravendita di criptovalute. Importante è anche consultare il sistema di allert della Consob.
... continua >nascondi

#criptovalute: approfondimento su Radio Gamma alle 16.10 di oggi con lavv. Lina Sguassero. Seguiteci!

Nel 2014 si è registrata la truffa più imponente avente ad oggetto le cryptovalute sull’exchange Mt. Gox con sede a Tokyo. Un attacco hacker causò infatti la sottrazione di 850 mila Bitcoin, per un valore, secondo la quotazione odierna, di oltre 25 miliardi. 

Altra colossale truffa è stata quella degli OneCoin. Si trattava di un falso token che nel 2015 riuscì ad ingannare milioni di persone, provocando un danno stimato in oltre 12 miliardi. 

Infine, tra le truffe più imponenti, si ricorda quella relativa a Bitconnect, con la quale vennero sottratti oltre 2,1 miliardi con l’ICO (Initial Coin Offering) di questa criptovaluta, diventata celebre e poi inutile nel giro di 8 mesi.

Complessivamente questi tre eventi hanno causato un danno economico complessivo di quasi 40 miliardi. Se sommiamo anche le truffe meno appariscenti nel mndo delle cryptovalute ma comunque frequenti, anzi quotidiane, le cifre sono costrette ad aumentare. Frequenti infatti sono i falsi sistemi di trading automatico, siti fake di exchange o broker e account social contraffatti. 

Ma quindi è possibile investire in cryptovalute in maniera sicura?

La risposta è sì, ma con grande attenzione, conoscenza ed esperienza evitando di affidare i propri risparmi in schemi piramidali, portali falsi, progetti crypto senza valore o sistemi di fantomatici guru esperti di criptovalute. E importante individuare fonti autorevoli, accrescere la nostra conoscenza in materia attravesro portali e pubblicazioni affidabili. Evitiamo di affidarci a influencer o spot eclatanti!!
Bisogna verificare l’affidabilità di exchange e broker, controllando le licenze delle imprese finanziarie e la reputazione delle piattaforme di compravendita di criptovalute. Importante è anche consultare il sistema di allert della Consob.

Comment on Facebook

Bravissimi 👏

#restiamouniti perché #unitisivince

Diventa anche tu un Consumatore Attivo, sostieni o partecipa alle nostre attività

Oppure entra in contatto:

+39 347 309 2244contattaci

Ti serve aiuto

Hai bisogno di aiuto, vuoi essere contattato da uno di noi, lascia un tuo contatto e noi ti richiameremo il prima possibile





News